H&S vincitrice del premio innovazione SMAU MILANO 2017
3 Novembre 2017
A Smau Genova lo scenario attuale e le prospettive future delineate dalle Scienze della Vita
27 Novembre 2017

Meno ricoveri grazie alla telemedicina

Telemedicine word cloud written on a chalkboard

Il monitoraggio a distanza consente di ridurre del 20% le ospedalizzazioni in pazienti post acuti con scompenso cardiaco, broncopneumopatia cronica e diabete mellito. Lo sottolineano i dati di una sperimentazione comparativa da poco conclusa nell’ambito del progetto europeo SmartCare, che ha visto tra i protagonisti la Regione Friuli Venezia Giulia…

… H&S, azienda piacentina specializzata nello sviluppo di soluzioni software e hardware con esperienza ventennale nella telemedicina, è stata partner tecnologico in Italia per il progetto SmartCare.
«Abbiamo realizzato un sistema di telemonitoraggio costituito da un hub e da diversi dispositivi deputati a misurazioni ben precise, sia parametri clinici (peso, pressione arteriosa, glicemia) sia parametri ambientali (temperatura, umidità, allagamento, uomo a terra)», spiega Giovanni Rapacioli, ad di H&S. «Questi dispositivi comunicavano all’hub i dati raccolti tramite bluetooth e l’hub, a sua volta, li trasmetteva a un cloud al quale gli operatori sanitari potevano accedere attraverso un portale web.
Alcuni di questi dispositivi potevano essere utilizzati anche fuori casa e potevano inviare i dati, una volta completata la misurazione successiva a domicilio. Il requisito di tutti questi dispositivi era la facilità d’uso e d’installazione a casa del paziente, essendo l’età media dei soggetti molto avanzata. Il telemonitoraggio deve avvenire in modo non invasivo, il paziente non deve quasi accorgersi della presenza dei dispositivi se non nel momento della misurazione, che peraltro può effettuare facilmente premendo un unico pulsante. La trasmissione dei dati avviene in modo assolutamente silenzioso».

tecnicaospedaliera.it – 15/11/2017

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO